IMG_9480.jpg

Il Breathwork

Una tecnica semplice e potente per rilascio somato-emozionale

Photo copyright: Tim Morrison 

 

Il corpo ricorda ciò che la mente dimentica.

 

Il Breathwork è una terapia somatica molto potente per rilascio emozionale e traumatico, adatta a chiunque abbia scelto di intraprendere un percorso di crescita personale, a chi voglia stare meglio, a chi si senta responsabile per la propria vita e le voglia dare più senso.

Tutte le situazioni forti che abbiamo vissuto – più o meno traumatiche – e che non abbiamo completamente integrato, restano presenti nei nostri corpi fisici ed emotivi e sono alla base di squilibri, disagi, malattie, comportamenti reattivi o depressivi che portiamo avanti.

Il trauma accade quando sperimentiamo una determinata occorrenza in un modo troppo forte, troppo precoce, troppo veloce o troppo a lungo affinché il nostro sistema nervoso riesca ad elaborare e ad integrare completamente il vissuto.

In questi casi, il ciclo di integrazione del vissuto è interrotto creando in noi una situazione traumatica, difensiva, che resta nei nostri corpi anche se la mente dimentica, facendoci ammalare e/o rispondere alla vita in un modo reattivo e difensivo e limitando il nostro potenziale di crescita personale e spirituale. 

Non ci sono esseri umani senza traumi, ci sono solo traumi più forti e altri meno forti, e persone che hanno scelto un percorso di continua crescita emozionale e spirituale, e altre che si accontentano con quello che sono e non hanno voglia di cambiare ed evolvere.

La nascita, l'inizio dell'asilo o della scuola e l'ambiente scolastico, le separazioni, l'eccessivo di competitività, l'assenza di un genitore, un'incidente grave, i traslochi, tutti i lutti in famiglia, litigi fra i nostri genitori o famigliari, rapporti finiti senza accettazione e serenità, la mancanza di libertà per essere se stessi e prendere le proprie decisioni, stress o mobbing professionale, sono tutte situazioni che creano in noi piccoli o grandi traumi che ci accompagnano per tutta la vita, con conseguenze di vari livelli sulla nostra salute fisica, mentale ed emotiva, nel modo in cui ci rapportiamo con gli altri, nel modo in cui interagiamo con il mondo, nel modo in cui siamo in grado di darci, o no, l'amore incondizionato che ci meritiamo.

Anche a livello biografico, i passaggi fra cicli di vita sono momenti estremamente opportuni per fare una sessioni di Breathwork, nelle quali facciamo morire con amore una parte di noi che ci lascia per dare completamente spazio ad un nuovo archetipo in noi (ad es: quando diventiamo adulti a 21 anni, quando diventiamo genitori, o quando passiamo dal archetipo della fertilità e dobbiamo cominciare a dar spazio all'archetipo dell"Anziano Saggio", diventando persone mature e sagge, capaci di ispirare le nuove generazioni con le esperienze vissute e trasformate in preziosi apprendimenti di vita).


Nelle sessioni di Breathwork creiamo assieme lo spazio per rimuovere vecchie energie ed emozioni, o per integrare traumi o attaccamenti inconsci che ci bloccano e non ci aiutano ad evolvere come esseri umani.​

   

Le sessioni di Breathwork ci danno l’opportunità di rilasciare e di trasformare vissuti non completamente integrati (o traumi) in medicina per guarire e liberarci. Ci danno anche la possibilità di lasciare andare quello che non siamo più per diventare quello che dobbiamo essere: nel Breathwork c'è un processo reale di alchimia a livello emozionale e spirituale.

Sono basate su suono/musica, tecniche di respiro mirate al rilascio emotivo, saggezza sciamanica, e sull'utilizzo di fumo profumato a base di erbe secche, incensi e oli essenziali, oltre alle capacità, all’integrità e al supporto di un facilitatore formato ed esperto.

Con il consenso dei partecipanti, vengono anche utilizzate da parte dei facilitatori tecniche specifiche di tocco corporeo per sostenere ed attivare i processi di rilascio emozionale e di integrazione delle esperienze passate ancora presenti sotto forma di traumi.

Se riusciamo a lasciarci veramente andare e guidare, facendo cadere le armature difensive che abbiamo creato, durante le sessioni di Breathwork abbiamo l’opportunità per integrare traumi passati o rilasciare vecchie emozioni immagazzinate nel nostri corpi.


Cosi facendo, possiamo smuovere blocchi profondi e liberare forze, cominciando a creare spazio nelle nostre vite per far nascere una nuova versione di noi stessi, esplorando nuovi modi di essere, di comportarci e di rispondere alla vita, senza il peso del passato, diventando versioni sempre più vere di noi, acquistando sempre più consapevolezza, salute, serenità e chiarezza mentale, diventando più disponibili per contribuire a costruire un mondo più sano.

 

Controindicazioni per le sessioni di Breathwork

Gravidanza, epilessia, malattie cardiache/cardiovascolari, distacco della retina, glaucoma, pressione sanguigna molto bassa o molto alta non controllata, forte osteoporosi, problemi di asma, aneurisma, ictus, assunzione di farmaci anticoagulanti, bipolarità, schizofrenia, forti crisi emotive (esaurimento del sistema nervoso, tentato suicidio), PTSD (disturbo da stress post-traumatico - chiedere il consenso dal medico curante), fratture recenti, assunzione regolare di farmaci psicotici o antidepressivi, assunzione di psichedelici da meno di 7 giorni, assunzione di alcol da meno di 48 ore.

 
autumn21-83.jpg

Prenota una Sessione

Sessioni individuali o private di gruppo (coniugi, affini o parenti).


In caso di domande scrivete a yogaloft.ticino@gmail.com

Se non rientri in nessuna delle controindicazioni sopra indicate, puoi prendere appuntamento per una sessione direttamente sul calendario online.

Se rientri nelle controindicazioni ma hai dei dubbi puoi scrivermi QUI.

Le sessioni si tengono presso Yoga Loft, in Via Pianello 6B a Cureglia.

Riceverai via email un documento da compilare prima della prima sessione, da consegnare all'arrivo o prima (è preferibile consegnarlo via email circa 1 ora prima della sessione).

- Durata della prima sessione: da 2 ore e 30 a 3 ore.

- Durata delle sessioni successive: 100-120 minuti.

(non è possibile determinare la durata precisa di ogni sessione). 

Contributo minimo: CHF 90.-

 
IMG_0124.jpg
 

Il viaggio che ho fatto ieri con la pratica di Breathwork è stato profondo e intenso. Sto ancora metabolizzando ciò che è emerso perché ha aperto una nuova prospettiva relativa a un aspetto importante del mio vissuto. Dovrò lavorarci ancora, ma farlo emergere è stato un regalo. Intanto oggi mi sono svegliata e ho dedicato 20 minuti a me stessa e all'intento da mettere nella giornata.


È vero tutto ha un sapore diverso!


Ringrazio la vita di averti messa sul mio cammino e ringrazio la mia intuizione per avermi portata qui.

Alessia B.

Era da qualche anno che cercavo di meditare sulla mia bambina interiore con lo scopo di sciogliere e liberare traumi d'infanzia, ma non ci riuscivo mai. Ogni volta la visualizzazione in meditazione della mia bambina interiore era difficile e dolorosa, quindi finivo per lasciare perdere.


Quando mi sono iscritta alla pratica di Breathwork con Susana non potevo immaginarmi il potere di questa tecnica.


Infatti, durante la sessione non mi sono resa conto di quanto fondo dentro di me ero andata e tutto è poi arrivato in un sogno. La notte dopo la sessione di Breathwork ho sognato con un trauma d'infanzia che era nascosto nel più profondo del mio essere. E quello che cercavo da anni era finalmente arrivato: ho visto la mia bambina interiore parlando con il mio io adulto su questo trauma; il mio io adulto ha identificato la dolcezza, l'innocenza, le scintille in quei bei occhi pieni di speranza e la reazione del io adulta è stata quella che non sono mai riuscita a visualizzare in nessuna meditazione.


Spontaneamente, da adulta ho detto a quella bella bimba "Vieni che ti faccio le coccole" senza dire niente altro, senza nessun giudizio, il mio io adulto e il mio io bambina si sono abbracciati come se da tanto aspettassero quel momento.


Ringrazio Susana per questa meravigliosa esperienza, piena di tenerezza e amore, che ancora oggi non riesco a ricordare senza emozionarmi.

M. João

La sessione con te non poteva che capitare in un momento migliore! 🥰


La meditazione iniziale mi è piaciuta molto ed è stata una porta di apertura potente verso il viaggio di rilascio emotivo successivo 🥰

Un viaggio in cui attraverso il respiro sono entrata in una connessione con me stessa che non avevo mai raggiunto prima, in cui per la prima volta ho ascoltato me stessa e non la mia mente, in cui per la prima volta ho lasciato andare il controllo, in cui per la prima volta mi sono abbandonata alla mia guida interiore. È stato qualcosa di molto molto significativo, ho percepito l’energia nelle mie mani, nei miei piedi e in tutto il mio corpo. Ho pianto, ho riso, ho avuto forti tremori soprattutto alla gamba destra e alla parte destra del corpo e, attraverso il movimento, ho percepito di sciogliere diverse tensioni che avevo nel corpo.

In questo viaggio mi sono sentita accompagnata e sostenuta, sentivo di non essere sola, sentivo il tuo tocco gentile, accogliente e

comprensivo.


Mi hai tramesso molto conforto e il sentirti vicino a me tutto il tempo e mi ha permesso di lasciarmi andare (cosa che non è stata facile inizialmente e che per me non è facile in generale). Immaginavo che tu fossi il mio Essere Divino Custode 🙏🏻 

È stato un viaggio profondo e la sensazione sospesa di leggerezza e beatitudine che ho provato alla fine è stata bellissima. 

Ti ringrazio davvero con tutto il ❤️ per questa esperienza bellissima che sicuramente ripeterò 🙏🏻

Immagino che non sia facile accompagnare le persone in questo viaggio così profondo e intenso. Penso proprio che sia nel tuo dharma perché sai davvero accogliere e accompagnare le persone molto bene! ☺️❤️

Aline P.

“Sono arrivata all'incontro di Breathwork con Susana senza aspettative, con un atteggiamento di apertura all’esperienza, e questo ha contribuito alla profonda discesa dentro di me, perchè questo è ciò che il Breathwork ti regala: un viaggio interiore profondo, che ha come veicolo il respiro e come fine l’accettazione, il perdono e l’amore verso se stessi.
Grazie Susana per avermi accompagnato in questo viaggio, saperti vicina e preparata mi ha permesso di scendere nel buio delle mie paure e dei miei traumi: l’unica via per andare oltre è conoscerli per accoglierli, per amare se stessi senza maschere e in Verità.
Non è un viaggio facile, ma è un viaggio necessario per aprirsi alla Vita.”

Sonia V.